Ricerca Avvocati Online e Consulenza Legale

Trova l’Avvocato Gratis e Senza Impegno

  • Trova Online l’Avvocato che stai cercando, Gratis e Senza Impegno.
    Ottieni Preventivi e Consulenze Legali Professionali.
  • Trova Online l’Avvocato che stai cercando, Gratis e Senza Impegno.
    Ricevi Preventivi dettagliati per il tuo Caso.
  • Trova Online l’Avvocato che stai cercando, Gratis e Senza Impegno.
    L' Avvocato risponde entro 48 Ore!
  • Trova Online l’Avvocato che stai cercando, Gratis e Senza Impegno.
    Piattaforma Professionale Specializzata in ambito legale.
  • Trova Online l’Avvocato che stai cercando, Gratis e Senza Impegno.
    Fissa un appuntamento con l'Avvocato.

modulo ricerca avvocato

modulo ricerca avvocato responsive

  • Home
  • Diritto Civile
  • Giudice Tutelare

Approfondimenti sull’Istituto dell’Amministrazione di Sostegno

giudice tutelareIl nostro ordinamento contempla tre differenti strumenti giuridici di protezione per i soggetti deboli: l'Amministrazione di Sostegno, l'Interdizione, l'Inabilitazione.  L'art. 404 del Codice Civile è dedicato all’"Amministrazione di sostegno". Esso dispone che: ""La persona che, per effetto di una infermità ovvero di una menomazione fisica o psichica, si trova nella impossibilità, anche parziale o temporanea, di provvedere ai propri interessi, può essere assistita da un Amministratore di Sostegno, nominato dal giudice tutelare del luogo in cui questa ha la residenza o il domicilio"". Questo istituto ha quindi la finalità di tutelare persone che hanno una ridotta capacità di agire e che sono prive in tutto o in parte della loro autonomia. Il Ruolo dell’Amministratore di Sostegno può essere ricoperto sia da un familiare sia da un terzo e dunque, per esempio, da un Avvocato. Il ricorso per la nomina di un Amministratore di Sostegno deve avere determinati requisiti previsti dalla legge e può essere presentato d’Ufficio da parte di alcune Autorità (come per esempio dalla USL) oppure dagli stessi familiari, in proprio o tramite l’Assistenza di un Avvocato.  La Successiva nomina dell’Amministratore di Sostegno avviene da parte del Tribunale ove risiede la persona da sottoporre ad Amministrazione. L’amministratore di Sostegno si occupa quindi di gestire, il patrimonio nell’interesse dell’Amministrato che però rimane capace di compiere tutte le attività di ordinaria amministrazione e può compiere da solo tutte le attività da svolgersi nel quotidiano mentre l'amministratore di sostegno può avere poteri di intervento in sostituzione del beneficiario oppure poteri di intervento in assistenza del beneficiario. Si tratta quindi di una protezione ""misurata"" sulla base del reale bisogno della persona e che deve essere svolta da una persona di fiducia e competente, ciò, ovviamente, nell’interesse dello stesso beneficiario.

Approfondimenti sull’Istituto della Curatela

L'art. 415 c.c. intitolato "Persone che possono essere inabilitate" stabilisce che: " il maggiore di età infermo di mente, lo stato del quale non è talmente grave da far luogo all'interdizione, può essere inabilitato. Possono anche essere inabilitati coloro che, per prodigalità o per abuso abituale di bevande alcoliche o di stupefacenti, espongono sé e la loro famiglia a gravi pregiudizi economici. Possono infine essere inabilitati il sordomuto e il cieco dalla nascita o dalla prima infanzia, se non hanno ricevuto un'educazione sufficiente, salva l'applicazione dell'art. 414 quando risulta che essi sono del tutto incapaci di provvedere ai propri interessi"". Tali patologie, sicuramente, più gravi ed inabilitanti rispetto a quelle previste dall’articolo 404 del Codice Civile, renderanno necessaria non la nomina di un semplice Amministratore di Sostegno ma di un Curatore. Tuttavia, così come nell’amministrazione di sostegno, anche la persona inabilitata mantiene la capacità di compiere gli atti che non eccedono l'ordinaria amministrazione e può, con l'assistenza del curatore, riscuotere i capitali sotto la condizione di un idoneo impiego o stare in giudizio sia come attore sia come convenuto. Invero, per tutti gli atti eccedenti l'ordinaria amministrazione è necessario il consenso del curatore che, a sua volta, necessita dell’autorizzazione del Giudice tutelare. Anche la figura del Curatore può essere svolta da un familiare oppure da un Avvocato scelto dagli stessi o nominato dal Tribunale o semplicemente incaricato dagli stessi familiari dell’inabilitato per provvedere alla redazione degli atti necessari per ottenere la nomina di Curatore.

Approfondimenti sull’Istituto della Tutela

L'art. 414 c.c. intitolato "Persone che possono essere interdette" stabilisce che "Il maggiore di età e il minore emancipato, i quali si trovano in condizioni di abituale infermità di mente che li rende incapaci di provvedere ai propri interessi, sono Interdetti quando ciò è necessario per assicurare la loro adeguata protezione".  Detta misura è la più estrema e si applica solo in via residuale quando il beneficiario è completamente incapace di provvedere a sé stesso ed ai propri interessi.  Il Tutore, infatti, ha il compito di rappresentare la persona in tutti gli atti civili e ne amministra i beni con ampie e maggiori facoltà di agire rispetto all’Amministratore di Sostegno ed al Curatore anche se, come loro, dovrà sempre dare conto del suo operato al Giudice Tutelare di riferimento. Anche la figura del Tutore può essere ricoperta da un familiare, da un parente oppure da un Avvocato nominato d’Ufficio dal Tribunale o segnalato dagli stessi familiari che dunque anche in questo caso, possono avvalersi del Professionista per redigere tutti gli atti necessari ad avviare l’Istituto della Tutela.

Rivolgiti all’Avvocato

Se dunque necessiti di presentare domanda per la nomina di un Amministratore di Sostegno, di un Curatore o di un Tutore è consigliabile rivolgersi ad un nostro Avvocato Specializzato. L’Avvocato Specializzato in Tutele e Curatele Ti saprà consigliare al meglio su come richiedere la nomina di un Amministratore di Sostegno, di un Curatore o di un Tutore o, ancora, potrà lui stesso ricoprire tali ruoli al fine di poter tutelare e soddisfare al meglio gli interessi del beneficiario, della sua famiglia o dei suoi parenti Compila il form di AvvocatoFacile.it e contatta gratuitamente l’Esperto in materia.

 

CONTATTA GRATIS L'AVVOCATO SPECIALIZZATO IN QUESTA MATERIA