Ricerca Avvocati Online e Consulenza Legale

Trova l’Avvocato Gratis e Senza Impegno

  • Trova Online l’Avvocato che stai cercando, Gratis e Senza Impegno.
    Ottieni Preventivi e Consulenze Legali Professionali.
  • Trova Online l’Avvocato che stai cercando, Gratis e Senza Impegno.
    Ricevi Preventivi dettagliati per il tuo Caso.
  • Trova Online l’Avvocato che stai cercando, Gratis e Senza Impegno.
    L' Avvocato risponde entro 48 Ore!
  • Trova Online l’Avvocato che stai cercando, Gratis e Senza Impegno.
    Piattaforma Professionale Specializzata in ambito legale.
  • Trova Online l’Avvocato che stai cercando, Gratis e Senza Impegno.
    Fissa un appuntamento con l'Avvocato.

modulo ricerca avvocato

modulo ricerca avvocato responsive

  • Home
  • Diritto Amministrativo
  • Cosa è il Diritto Amministrativo?

Il Diritto Amministrativo: Definizioni ed approfondimenti

diritto amministrativo italiaIl Diritto Amministrativo ha per oggetto l’organizzazione, i mezzi e le forme delle attività della Pubblica Amministrazione, nonché regola i rapporti con la Pubblica Amministrazione e gli altri soggetti dell’Ordinamento. Il Diritto Amministrativo è un Diritto Pubblico interno poiché deriva dallo Stato, è autonomo in quanto ha regole proprie rispetto alle altre branchie del Diritto, è Comune in quanto si riferisce a tutti i soggetti dell’ordinamento ed è ad oggetto variabile a seconda dei fini perseguiti dalla Pubblica Amministrazione. Le Fonti del Diritto Amministrativo sono: gli atti o i fatti di produzione normativa.  A loro volta, nelle Fonti troviamo Le Fonti Primarie (quali, ad esempio, le Leggi del Parlamento, i decreti legislativi, le leggi regionali) Le Fonti Secondarie in generale come, ad esempio, tutti gli atti dei Ministri e del Governo, i Testi Unici ed i Codici, i Regolamenti, le Ordinanze, gli Statuti degli Enti Pubblici, altre fonti secondarie quali i Bandi Militari ed i Piani Regolatori, infine la Consuetudine e Le Norme Interne della Pubblica Amministrazione. Non bisogna dimenticare che accanto al Diritto Amministrativo Nazionale c’è anche quello Europeo e dunque delle Istituzioni della Comunità Europea. Tra le Fonti del Diritto Amministrativo Comunitario troviamo i Trattati dell’Unione Europea, gli atti Tipici e quelli Atipici. Tra gli atti tipici troviamo i regolamenti, le direttive, le Decisioni ed i pareri mentre in quelli Atipici sono ricompresi gli atti di autorizzazione e di concessione.

Diritto amministrativo: i concetti di diritto soggettivo e di interesse legittimo e gli altri principi  fondamentali

I soggetti del Diritto Ammnistrativo sono sia le persone fisiche, che le persone giuridiche. A tal proposito il Diritto Soggettivo altro non è che la posizione giuridica di vantaggio che l’ordinamento riconosce ad un soggetto (sia esso persona fisica che giuridica) mentre l’interesse legittimo è quella situazione in cui si trova un soggetto che ha il diritto di pretendere una determinata utilità da parte della pubblica amministrazione. Così come nel diritto civile, anche in quello amministrativo si deve parlare di Competenza (ovvero il potere facente capo ad un determinato organo e le funzioni che lo stesso può svolgere) che come anche nel diritto civile, può essere per materia, per territorio e per gradi. Per quanto concerne la Tutela Giurisdizionale Amministrativa, vige il sistema della Doppia Giurisdizione in quanto la cognizione generale in materia di Diritti Soggettivi spetta al Giudice Ordinario mentre quella generale in materia di interessi legittimi spetta al Giudice Amministrativo. Tale ultima giurisdizione è quindi devoluta, in primo grado, al TAR (Tribunale Amministrativo Regionale) mentre per i Giudizi di Appello è devoluta al Consiglio di Stato. Anche all’interno del Processo Amministrativo devono essere osservati determinati principi cardine quali: il Principio della domanda (ovvero che il Giudice non può procedere d’Ufficio e oltre i limiti della domanda), il Principio del contraddittorio (mediante notifica del ricorso a tutte le parti interessati), il Principio della Concentrazione ( la causa, per quanto possibile, va trattata in un’unica udienza), il Principio dell’Oralità ( la causa viene trattata oralmente in udienza) ed il Principio della Collegialità ( nel processo amministrativo domina la figura del Collegio mentre il presidente ha poteri ordinatori e istruttori)e, infine, il principio dell’impulso processuale di parte, ovvero del fatto che il giudizio progredisce solo con la richiesta delle parti.

CONTATTA GRATIS L'AVVOCATO SPECIALIZZATO IN QUESTA MATERIA