Ricerca Avvocati Online e Consulenza Legale

Trova l’Avvocato Gratis e Senza Impegno

  • Trova Online l’Avvocato che stai cercando, Gratis e Senza Impegno.
    Ottieni Preventivi e Consulenze Legali Professionali.
  • Trova Online l’Avvocato che stai cercando, Gratis e Senza Impegno.
    Ricevi Preventivi dettagliati per il tuo Caso.
  • Trova Online l’Avvocato che stai cercando, Gratis e Senza Impegno.
    L' Avvocato risponde entro 48 Ore!
  • Trova Online l’Avvocato che stai cercando, Gratis e Senza Impegno.
    Piattaforma Professionale Specializzata in ambito legale.
  • Trova Online l’Avvocato che stai cercando, Gratis e Senza Impegno.
    Fissa un appuntamento con l'Avvocato.

modulo ricerca avvocato

modulo ricerca avvocato responsive

  • Home
  • Diritto Amministrativo
  • Gli atti amministrativi

Gli Atti Amministrativi:  caratteristiche e classificazione

caratteristiche atti amministrativiL’ Atto amministrativo è un Atto Unilaterale avente rilevanza Esterna. Per “Atto unilaterale” si intende una manifestazione di volontà proveniente dalla pubblica autorità mentre per “Rilevanza E sterna” significa che l’atto è destinato ad esplicare i suoi effetti anche nei confronti di soggetti a esso estranei, come, per esempio, i privati cittadini. Nell'atto amministrativo la volontà ivi dimostrata è il risultato di una sequenza di atti di diversi uffici o di diversi organi ed è condizionata dai fini istituzionali. Gli atti amministrativi si distinguono in varie categorie. La distinzione più importante è quella tra provvedimenti ­ Atti Tipici e nominati  (concessioni, espropriazioni, autorizzazioni) destinati a modificare situazioni giuridiche in modo autoritativo ­ e Atti che non sono Provvedimenti (regolamenti della pubblica amministrazione e gli atti amministrativi in senso stretto) con i quali la pubblica amministrazione non modifica la situazione giuridica di soggetti privati ma si limita a dichiarare l'esistenza di un fatto - come il rilascio di certificati - oppure a formulare giudizi o pareri. Gli atti amministrativi possono essere vincolati ovvero che l'amministrazione deve emanare secondo norme previste dalla legge oppure possono essere atti discrezionali e cioè lasciati alla libera scelta della pubblica amministrazione. L'Oggetto dell'atto amministrativo è la situazione giuridica del soggetto nei cui confronti l'atto esplica i suoi effetti o la cosa sulla quale esso produce una trasformazione giuridica. Gli atti amministrativi devono essere motivati. L'obbligo di motivazione dell'atto amministrativo è stato espressamente introdotto dall'art. 3 della L. n. 241/1990 che, in via generale, ha previsto che tutti gli atti amministrativi debbono indicare i presupposti di fatto e le ragioni giuridiche a base dell'atto stesso, sulla base delle risultanze dell'istruttoria. Naturalmente, l'obbligo di motivazione dell'atto amministrativo è espressamente escluso per quegli atti di portata generale ed astratta come i regolamenti amministrativi che, per la loro natura ampiamente discrezionale, non sono soggetti all'obbligo di motivazione. In tal senso non soggiacciono all'obbligo di motivazione nemmeno gli atti di pianificazione generali.

I vizi degli Atti Amministrativi

Si considerano vizi dell’Atto Amministrativo la divergenza che vi è tra la fattispecie in concreto posta in essere dalla Pubblica Amministrazione (atto) e il modello previsto dalla legge. Dunque qualora si manifesti tale divergenza si parla di vizio. I vizi che possono inificiare l’atto amministrativo possono essere classificati in vizi di legittimità e vizi di merito. I vizi di legittimità insorgono quando l’atto si discosta dal modello previsto dalla legge mentre i vizi di merito insorgono quando l’atto, sebbene sia conforme alle norme, non risponde alle regole di buona amministrazione. Le altre patologie che possono riguardare l’atto amministrativo sono l’inesistenza e la nullità. L’inesistenza si determina nel momento in cui l’atto presenta un vizio talmente grave da rendere impossibile l’assunzione dello stesso nella categoria degli atti amministrativi. La nullità, invece, si manifesta quando l’atto amministrativo è considerato nullo dalle relative norme di riferimento. Diversa dalla nullità è la semplice irregolarità dell’atto che si manifesta quando lo stesso si discosta dal modello previsto dalla norma ma, la norma violata, è di particolare tenuità e dunque l’atto, nonostante sia irregolare, sarà sempre idoneo a produrre effetti. Dunque se ritieni di essere stato destinatario di un atto amministrativo irregolare o, peggio, affetto da nullità o ritieni che la pubblica amministrazione non abbia emesso un atto dovuto, contatta subito l’Avvocato Specializzato in Diritto Amministrativo. Compila gratuitamente i moduli presenti sul sito AvvocatoFacile.it e, indicativamente, nelle successive 24-48 dall’invio della richiesta sarai contattato da un Avvocato Specializzato nella Materia al quale potrai sottoporre il Tuo caso o semplicemente potrai richiedere una consulenza in materia amministrativa. 

CONTATTA GRATIS L'AVVOCATO SPECIALIZZATO IN QUESTA MATERIA