Ricerca Avvocati Online e Consulenza Legale

Trova l’Avvocato Gratis e Senza Impegno

  • Trova Online l’Avvocato che stai cercando, Gratis e Senza Impegno.
    Ottieni Preventivi e Consulenze Legali Professionali.
  • Trova Online l’Avvocato che stai cercando, Gratis e Senza Impegno.
    Ricevi Preventivi dettagliati per il tuo Caso.
  • Trova Online l’Avvocato che stai cercando, Gratis e Senza Impegno.
    L' Avvocato risponde entro 48 Ore!
  • Trova Online l’Avvocato che stai cercando, Gratis e Senza Impegno.
    Piattaforma Professionale Specializzata in ambito legale.
  • Trova Online l’Avvocato che stai cercando, Gratis e Senza Impegno.
    Fissa un appuntamento con l'Avvocato.

modulo ricerca avvocato

modulo ricerca avvocato responsive

  • Home
  • Diritto Civile
  • Fallimento e procedure concorsuali

Gli elementi essenziali delle Procedure Concorsuali.

diritto civile fallimentoLe procedure concorsuali sono le procedure giudiziali cui è assoggettata un'impresa commerciale che sia insolvente e in possesso dei requisiti di cui all'art. 1 della Legge Fallimentare. Caratteristica comune delle Procedure Concorsuali è che esse sono finalizzate a regolamentare i rapporti tra l’Impresa che si trova in una particolare difficoltà economica/finanziaria ed i relativi creditori. Con le procedure fallimentari l’imprenditore si vede quindi sottratta la propria autonomia organizzativa e gestionale a favore di altri organi deputati a risolvere la crisi dell’impresa ed a soddisfarne i relativi creditori. La più nota procedura concorsuale è il Fallimento che è disciplinato dal Regio Decreto n. 267 del 1942 chiamato anche più comunemente “Legge Fallimentare. Il Fallimento, è dunque la più nota procedura liquidatoria, che coinvolge l'imprenditore commerciale con l'intero patrimonio e i suoi creditori. Essa, è diretta all'accertamento dello stato di insolvenza dell'imprenditore, all'accertamento dei crediti vantati nei suoi confronti e alla loro successiva soddisfazione e liquidazione. Dunque perché si possa parlare di Fallimento è necessario che vi siano due presupposti: che l’imprenditore sia privato e svolga un’attività di tipo commerciale e che si trovi in stato di insolvenza ovvero in quello stato di impossibilità, non transitoria, di provvedere alla soddisfazione dei suoi creditori. Non possono essere invece dichiarati falliti coloro che sono definibili piccoli imprenditori e dunque gli artigiani, i piccoli commercianti, i coltivatori diretti del fondo, l’imprenditore agricolo e coloro che esercitano un'attività professionale organizzata prevalentemente con il lavoro proprio e dei componenti della famiglia. L’ Avvocato, nell’Ambito del Diritto Fallimentare, può essere chiamato a svolgere l’attività di Curatore Fallimentare e dunque a compiere l’attività di custodia e di Amministrazione delle attività fallimentari, ancora, può essere chiamato a curare e rappresentare gli interessi dei creditori della Società Fallita o, ancora, può svolgere attività di consulenza e di supporto allo stesso imprenditore dichiarato fallito

Le altre Procedure Concorsuali: approfondimenti

La Legge Fallimentare, modificata dal D.Lgs. 9 gennaio 2006, n. 5 disciplina, altresì le altre procedure concorsuali che sono: Il Concordato Preventivo, La Liquidazione Coatta Amministrativa e L' amministrazione Straordinaria delle Grandi Imprese in Crisi. Il Concordato Preventivo è una procedura concorsuale attraverso la quale l'imprenditore ricerca un accordo con i suoi creditori per non essere dichiarato fallito al fine di superare la crisi in cui versa la propria impresa. Dunque esso è finalizzato ad evitare il Fallimento ed a far si che l’impresa superi la situazione di crisi verso i creditori. La Domanda di concordato è presentata dallo stesso imprenditore avanti al Tribunale in cui ha sede l’impresa e deve prevedere un piano dettagliato che preveda il soddisfacimento parziale dei relativi creditori. La liquidazione Coatta Amministrativa è una procedura concorsuale che si applica esclusivamente ad alcune categorie d'impresa determinate dal legislatore quali le imprese bancarie e assicurative, le Società con partecipazione dell'Istituto per la ricostruzione industriale, imprese finanziate dal fondo per il finanziamento dell'industria meccanica e società cooperative. Anche la Liquidazione Coatta Amministrativa, così come le altre procedure, per potersi applicare necessita sempre del requisito oggettivo ovvero dello stato d'insolvenza. Per tale tipo di procedura, poi, devono essere valutati anche fatti che possono porre in serio pericolo la continuità dell'attività dell'impresa sottoposta al pubblico controllo, l’eventuale revoca dell'autorizzazione all'esercizio dell'attività sottoposta a controllo pubblico, i motivi d'interesse pubblico o ragioni di tutela di interessi dello Stato (presupposto valido in alcune società controllate dall'I.R.I. e per le società finanziarie o garantite dallo Stato per 4 volte il capitale della società). L’ultima procedura concorsuale è l'Amministrazione Straordinaria delle Grandi Imprese in crisi che ha come fine la conservazione, in tutto o in parte, di un'azienda nonché, a certe condizioni, del personale dalla stessa occupato. Anche questo procedimento, come la liquidazione coatta, ha natura amministrativa, poiché la sua gestione è affidata al Ministero delle attività produttive.

Contatta l’avvocato esperto in Diritto Fallimentare

La Tua Azienda è i crisi? Temi che possa essere dichiarata Fallita? O, viceversa, sei creditore di un’azienda dichiarata fallita dal Tribunale e non sai come fare per recuperare il Tuo credito? Non aspettare che trascorra del tempo inutilmente, in tutti i questi casi è fortemente consigliabile contattare un avvocato esperto in Diritto Fallimentare anche solo per avere una semplice consulenza. Compila dunque il form di questo sito e verrai messo in contatto gratuitamente e senza impegno con un nostro professionista esperto nella materia. 

 

CONTATTA GRATIS L'AVVOCATO SPECIALIZZATO IN QUESTA MATERIA