falsi miti avvocato penalista

Tre luoghi comuni e falsi miti sull’avvocato penalista


Fare l’avvocato penalista può voler dire dover rispondere a luoghi comuni e falsi miti sulla professione e in particolare su questa specializzazione. Lo sanno bene gli avvocati penalisti che si trovano a dover rispondere ad alcune domande di clienti o potenziali tali, frutto proprio di questo modo di pensare fuorviante e pregno di pregiudizi.
Vediamo tre modi di pensare comuni largamente diffusi e anche facilmente smontabili.

Quanto dura il processo? L’incertezza sui tempi della giustizia penale

Non c’è avvocato intellettualmente onesto che ad inizio consulenza potrebbe riferire al suo assistito la durata esatta del processo. Questo perché dipende da diversi fattori, alcuni esterni e indipendenti dalla volontà o dalla professionalità stessa dell’avvocato. In questo senso i processi mediatici, che spesso tra i vari gradi di giudizio si protraggono per svariati anni, non aiutano.

Il giudice decide quel che vuole ribaltando le sentenze

E per chi non è esperto di diritto è anche difficile capire perché uno stesso processo può essere completamente ribaltato da un grado all’altro del giudizio. Questo viene vissuto come incertezza della giustizia: il cittadino si sente spaesato, vittima di una giustizia aleatoria e arbitraria.
Un bravo avvocato penalista deve aiutare i clienti a capire che il Diritto in generale, e questa specializzazione forse ancora di più, non è una materia scientifica, e che una parte rilevante della contesa giuridica è rimessa al cosiddetto libero convincimento del Giudice, che in quanto tale può cambiare mutando la persona giudicante.

L’avvocato penalista è senza scrupoli

Ma sicuramente l’onta che più ricade sugli avvocati penalisti è quella che si diffonde quando difendono criminali macchiati di reati di forte impatto sull’opinione pubblica. E’ difficile per chi non ha studiato diritto penale comprendere che compito di un avvocato è assicurare a tutti una difesa dignitosa, a prescindere dal capo di accusa. In una società civile non vige la legge del taglione ma si crede nella funzione educativa della pena.

Tre luoghi comuni e falsi miti sull’avvocato penalista ultima modifica: 2018-09-04T13:17:13+00:00 da Alessandra Deangelis