Avvocati-toga-nera

Emergenza Coronavirus: quale situazione per gli avvocati


Nessuna categoria professionale può dirsi al di fuori dell’emergenza coronavirus. A descrivere le difficoltà dell’avvocatura è il presidente del Consiglio Nazionale Forense, Maria Mari. Con il calendario delle udienze fermo e l’attività fortemente rallentata, anche gli avvocati necessitano di interventi di tutela.

Adempimenti fiscali e mancanza di liquidità per emergenza Coronavirus: vale anche per gli avvocati

Ad oggi per gli avvocati non sono stati previsti interventi mirati, il governo ha rimandato alle singole casse professionali. Maria Masi non nasconde preoccupazione dinanzi all’incertezza sui tempi del blocco delle attività. Fino a quando i suoi colleghi saranno in grado di sostenere questa situazione? Si chiedono interventi in primo luogo relativamente alla sospensione degli adempimenti di natura fiscale. Si chiede al governo di intervenire per sbloccare le casse private dando modo di aiutare gli iscritti in modo più incisivo.

Senza contare tante altre voci legate all’attività forense e ancora a carico dei professionisti: mutuo per lo studio legale, canone di locazione etc.

Il Presidente del CNF ha ribadito anche il ruolo sociale che l’attività legale riveste: sostenere oggi chi indossa una toga significa inevitabilmente e di riflesso anche aiutare la comunità civile a difendere i propri diritti. Attività alla quale gli avvocati non si sottraggono, in virtù del loro giuramento deontologico, neppure in un periodo così delicato e difficile per il nostro Paese.

Proprio in questi giorni l’Ordine degli avvocati si è anche schierato a lato dei medici che hanno denunciato alcuni studi legali che proponevano consulenze gratuite per vertenze contro medici e malasanità. E dopo il Consiglio nazionale si sono mossi anche quelli regionali: da Napoli a Trani i presidenti territoriali hanno ribadito che ci sarà tempo e modo per valutare ogni singola situazione ma che in tribunale nessuno dimenticherà che oggi i medici sono in trincea. Speriamo che nessuno dimentichi l’importanza degli avvocati perché saranno sempre loro ad essere eventualmente chiamati a difendere il personale sanitario in aula. Oggi più che mai questa emergenza ci insegna quanto sia importante la professionalità e come sia onere dello Stato difenderla.

Emergenza Coronavirus: quale situazione per gli avvocati ultima modifica: 2020-03-30T15:43:05+00:00 da Alessandra Deangelis