consulenza-avvocato-facile

Avvocato facile: come parlare “avvocatese” con il legal design


L'”avvocatese” è il linguaggio tecnico, e a volte ostico per chi non ha competenze giuridiche, che “si parla” nei tribunali o negli studi legali. Ma un buon avvocato non è solo quello competente e professionale nella sua materia: un elemento che fa la differenza (e gioca un ruolo importante nel rapporto con l’assistito) si basa sulla capacità di farsi comprendere anche da neofiti e non esperti. Questo strumento ha un nome e si chiama “legal design“.

In ambito legale la trasparenza è molto importante: a conoscere senza sorprese i costi serve il preventivo dell’avvocato. Ma è anche importante capire per quale servizio si paga e quali saranno gli step dell’assistenza. Da qualche tempo si sta diffondendo il concetto di legal design. Vediamo meglio di che cosa si tratta e quali vantaggi comporta l’applicazione di questa tecnica.

Legal design: che cosa significa e quali sono i vantaggi

Per comprendere il significato partiamo dallo scopo: gli strumenti del legal design servono a mettere il cliente al centro della consulenza. Egli non sarà soggetto passivo ma verrà coinvolto in modo partecipativo affinché possa comprendere la strategia e le dinamiche di un eventuale processo o, più in generale, dell’azione difensiva.

Il diffondersi del legal design potrebbe portare anche alla nascita di nuove figure professionali negli studi legali: oltre all’avvocato potrebbe intervenire nei rapporto con i clienti o futuri tali, un consulente con lo scopo di creare un ponte nella comunicazione tra assistito e legale rappresentante. Si potrebbe pensare, per fare un esempio, al visual designer, che opera per trasformare visivamente il testo di legge in un concetto di più semplice, come potrebbe essere un disegno, una tabella, un grafico, una mappa concettuale, etc.

L’articolo 39 del GDPR prevede che:

Il principio della trasparenza impone che le informazioni destinate al pubblico o all’interessato siano concise, facilmente accessibili e di facile comprensione e che sia usato un linguaggio semplice e chiaro, oltre che, se del caso, una visualizzazione.

Immaginiamo che il legal design sia una specie di vocabolario per trovare nuove parole o anche una scatola magica che trasforma le parole in immagini etc. In altre parole questo strumento permette agli studi legali di creare canali di comunicazione più intuitivi con i propri clienti, in un’ottica di massima chiarezza e trasparenza.

Avvocato facile: come parlare “avvocatese” con il legal design ultima modifica: 2020-01-29T09:25:41+00:00 da Alessandra Deangelis