ricorso-tar

Come fare ricorso al TAR: requisiti, iter, costi e tempi


Se devi opporti ad un atto della Pubblica Amministrazione chiedendone l’annullamento (o il risarcimento del danno), dovrai rivolgerti al TAR. Con questa sigla ci si riferisce al Tribunale amministrativo regionale.

Come funziona il ricorso al Tar

Sul territorio italiano ci sono venti tribunale regionali di questo tipo, in sostanza uno per ogni capoluogo di Regione. All’interno di ognuno sono presenti 5 magistrati amministrativi e un Presidente.

Per quali motivi si ricorre al Tar

In genere il Tar esprime un giudizio di legittimità. Tuttavia non mancano ipotesi in cui il giudizio può entrare nel merito.

Ecco i requisiti che giustificano questa strada:

  1. una presunta lesione di un interesse legittimo da parte della Pubblica amministrazione;
  2. stare nelle tempistiche previste dalla legge (60 giorni dalla pubblicazione o dalla notifica dell’atto amministrativo, 30 per atti relativi ad appalti pubblici);
  3. essere seguiti da un avvocato specializzato in diritto amministrativo.

Quest’ultimo provvederà a depositare il ricorso al Tar presso gli Uffici della Segreteria del tribunale. Sarà il giudice a fissare il giorno dell’udienza.

Come si svolge il ricorso dinanzi al Tar

Questo tipo di ricorso prevede due gradi di giudizio:

  1. quello ordinario di primo grado con fase cautelare (in cui vengono congelati gli effetti del provvedimento) e fase di merito (entro 45 giorni dall’udienza di merito il ricorrente sa se il ricorso è stato ammesso o rigettato);
  2. quello affidato al Consiglio di Stato in caso di impugnazione.

Quanto costa fare ricorso al Tar

Molti si chiedono se conviene fare ricorso al Tar oppure no. Di base bisogna considerare le spese per il ricorso (se perdi dovrai corrispondere le spese legali e il risarcimento alla controparte) più l’onorario dell’avvocato. Si possono quindi superare facilmente nel complesso i 5 mila euro.

Come fare ricorso al TAR: requisiti, iter, costi e tempi ultima modifica: 2021-04-09T12:53:27+00:00 da Alessandra Deangelis