dati-privacy-avvocato

Documenti avvocato: nuove regole per la privacy


I dati nei documenti che le parti forniscono all’avvocato sono coperti da privacy? Molto spesso, in virtù della strategia difensiva, all’avvocato di fiducia le parti raccontano cose e consegnano dati e documenti personali o addirittura intimi. In che modo tutte queste informazioni sono tutelate dal diritto alla privacy? Quali garanzie offre l’applicazione del nuovo GDPR nell’ ambito della difesa legale?

Le nuove regole del GDPR riguardano in termini deontologici anche gli avvocati. Devono essere conformi a questo regolamento tutti i dati utilizzati per scopi storici, statistici, scientifici e investigazioni difensive.

Più nel dettaglio, le regole interessano:

– gli avvocati o i praticanti che esercitano l’attività in forma individuale, associata o societaria e che svolgono un’attività in sede giurisdizionale o di consulenza o di assistenza stragiudiziale, anche servendosi dell’aiuto di collaboratori, dipendenti o ausiliari,
– gli avvocati stranieri esercenti legalmente la professione in Italia,
– i soggetti che svolgono attività di investigazione privata in applicazione della legge e in forza di uno specifico incarico anche da parte di un difensore.
In merito all’oggetto dell’attività, rientrano in questo ambito tutte le investigazioni difensive ma anche qualsiasi altra operazione che, nella strategia del legale implichi l’utilizzo di tali informazioni.

L’avvocato può fornire le informazioni sul trattamento dei dati personali congiuntamente alle notizie che deve indicare come previsto dalla disciplina delle indagini difensive; A tal fine ad esempio potrà esporre appositi documenti alle pareti del proprio studio legale oppure, eventualmente, provvedere alla pubblicazione sul proprio sito internet (anche mediante formule sintetiche o colloquiali).

Particolare rilievo assumono le istruzioni che chi è a capo dello studio legale dovrà fornire ai soggetti autorizzati al trattamento dei dati personali.

Documenti avvocato: nuove regole per la privacy ultima modifica: 2019-01-12T10:39:19+00:00 da Alessandra Deangelis