assunzione-contratti

Lavoro avvocato? Si ma a tempo indeterminato. In arrivo novità sui contratti negli studi legali


A breve il lavoro dell’avvocato potrebbe non essere più incompatibile con l’assunzione a contratto e vincolo di subordinazione. E’ infatti in discussione un progetto di legge (n°428/2017) che autorizza gli studi legali ad assumere avvocati come dipendenti. Vediamo quali sono i limiti attuali e che cosa cambierebbe per gli avvocati che collaborano presso studi legali terzi con la nuova legge.

Per ulteriori limiti e vincoli del Codice Deontologico Forense ti consigliamo di leggere qui.

Avvocato dipendente di nome e di fatto: che cosa cambierebbe

Oggi esiste un vincolo di incompatibilità tra la professione forense e il lavoro subordinato: vuol dire, in altre parole, che ufficialmente l’avvocato presso lo studio legale non può essere assunto come dipendente. Perché diciamo ufficialmente? Perché nei fatti, soprattutto i giovani neo abilitati, le cose vanno diversamente: non di rado oggi collaborano con gli studi legali a partita IVA ma devono sottostare a vincoli tipici del contratto da dipendente o parasubordinato, come ad esempio orari di lavoro, ma senza i vantaggi della subordinazione (per quanto riguarda ad esempio la malattia, la maternità, il tfr etc).

Quando ci rechiamo presso uno studio legale oggi, c’è il titolare e poi eventuali collaboratori, spesso giovani avvocati, a partita IVA. Mettersi in proprio ha dei costi di gestione dello studio legale e al momento questa è l’unica alternativa per molti avvocati che poi non di rado vengono trattati alla stregua di dipendenti dello studio appunto senza rientrare nelle tutele dei lavoratori dipendenti.

La legge andrebbe a regolarizzare queste situazioni superando un vincolo di incompatibilità che ad oggi permane solo per l’albo degli avvocati (non essendo previsto ad esempio per altri professionisti come medici, ingegneri, architetti etc).
Resteranno, in caso di approvazione della legge, da stabilire i dettagli di quello che sarà, eventualmente, il Collettivo Nazionale di categoria per quanto riguarda l’inquadramento contrattuale, la retribuzione minima, l’orario lavorativo etc.

Lavoro avvocato? Si ma a tempo indeterminato. In arrivo novità sui contratti negli studi legali ultima modifica: 2018-09-21T12:52:21+00:00 da Alessandra Deangelis